Venezia è anche un sogno. Dieci itinerari insoliti e curiosi per calli e canali, ibis, 2020. Ora che molte saracinesche sono abbassate e la galaverna rende argento e liscia la pietra d'Istria, si svela letargica sotto il peso della pandemia. Sempre bella, in quest'inverno 2020 fantascientifico, gode del silenzio, di una natura ritrovata, della dimensione umana di chi cammina senza assedi. Torno a raccontarvela, nelle mutazioni del tempo, in viaggi intimi e riparati che mostrano fascino e fragilità di una città che non esaurisce le parole e lo stupore di chi la incontra in sogni verdi come la laguna. Un'edizione nuova, con le immagini a colori, che coglie i mutamenti avvenuti in questi dieci anni. La città si sta disabitando, del suo tessuto sociale, per lasciar posto ad inquilini che aprono i balconi dieci giorni l'anno (le seconde, terze case, dei vip) o affittuari costretti a sborsare cifre esorbitanti spesso per locali umidi e mal tenuti. Molte maestranze artigiane fatte di pane, vetro, e tessuti, hanno chiuso per sempre per lasciar posto a chincaglierie o a cibi delle grandi catene che puoi trovare a Berlino come ad Hong Kong... Ma la città con i suoi secoli di storia e tesori resta un incanto, malgrado l'avidità umana che ne fa una vacca dalle mammelle d'oro è una matriosca: ogni pezzo contiene un mistero, un particolare, una storia... Venite a passeggio con me, vi prendo per mano in dieci itinerari riparati dai grandi flussi turistici con viaggi che potete compiere dal divano o trovando tutte le informazioni per partire. Siete pronti?